Festival della Musica di Mantova
Noi
  Chi siamo
  Cosa facciamo
  Contattaci
Storia
  Le ragioni di un rifiuto civile
Programma
  Musica
  Teatro & satira
  Cinema
  Libri
  Lezioni di musica & incontri
  Giorno per giorno
Partecipare
  Come
  Chi
News
  News
  Area Stampa
Come & dove
  Arrivare
  Mangiare
  Dormire
  Mappa

News

Musica!

Le Scudèle Lavade

La squadra
del

Mantova
Musica
Festival

La squadra delle Scudèle lavade è nata nel 2004 in occasione del primo MantovaMusicaFestival.
È composta da volontari e si occupa di tutti i problemi pratici del festival: procura le stanze di albergo per gli ospiti, organizza i volontari del Festival, distribuisce i buoni pasto per coloro che lavorano al festival, trova tutto quanto occorre, dal microfono alla moquette per i palchi al parrucchiere per gli artisti. Offre un sorriso e una soluzione a tutti quelli che si presentano con la faccia trafelata a dire: "C'è un'emergenza..."

Il nome della squadra, Scudèle lavade, arriva da un detto mantovano: "At rivi sempar a scudèle lavade" ("Arrivi sempre a scodelle lavate").
Questo è ciò che si dice a chi arriva in ritardo, quando i problemi sono già risolti. Loro, quelli delle Scudèle lavade, sono coloro che risolvono i problemi di una macchina complessa come il MmF.

Fanno parte della squadra:
alessandra gatti, pamela bassoli, cesarina baracca, egidio del canto, luciana del canto, giulia pecchini, mariangela busi, patrizia quadri, marella paramatti, daria baccaglioni, francesco meneghello, antonio occhiato, daria massobrio, roberto (Tata) biondani, maurizio leonetti, alberto rosignoli, fabio zanchi.

I volontari coordinati dalle Scudèle sono coperti da una polizza assicurativa per tutta la durata della manifestazione.
Per i minorenni, è necessaria l'autorizzazione dei genitori.

Se sei interessato e hai più di 16 anni, puoi dare la tua disponibilità a partecipare come volontario telefonando al 338-7306345 oppure scrivendo una mail a [email protected]

"Mantua est totis melior citadis
Mantua gens est bona, liberalis
Mantua semper squaquarare sentis"

Teofilo Folengo
Scrivici